Serata 696 e 697 Donne del Risorgimento e Intermeeting pro cani guida

Una foto di gruppo durante il meeting dedicato alle donne del Risorgimento

Una serata all’insegna della donna quella di martedi 7 marzo presso la sede del Lions Club Valcerrina di San Candido. A proporla una relatrice altamente qualificata e competente in materia, la Professoressa CARLA MORUZZI BOLLOLI, accompagnata dal marito Gian Mario Bolloli e dal figlio Silvio. Insegnante di greco e latino ora in quiescenza, con una spiccata propensione alle attività culturali nelle scuole per valorizzare l’importanza storica e culturale del nostro territorio, ma anche Presidente dell’ Istituto per il Risorgimento di Alessandria e Asti, e autrice di saggi storici, Carla Moruzzi ha intrattenuto i numerosi soci presenti con un tema interessante e inerente alla festa della donna che si andava a celebrare il giorno successivo: “Le Donne del Risorgimento”. Dopo una breve introduzione sul significato di questa festa nata per ricordare le conquiste sociali, economiche e politiche, ma allo stesso tempo anche le discriminazioni e le violenze di cui le donne sono state vittime in quasi tutte le parti del mondo, nel tempo è diventata anche un’esigenza di rinnovamento alla fine della prima guerra mondiale e la necessità di dar voce alle donne con il voto.

Ne è seguita una curiosa e piacevole carrellata di vicende, aneddoti curiosi che hanno legato alcune donne a personaggi importanti del Risorgimento: non solo regine e nobildonne, ma personaggi femminili di tutta normalità, borghesi, ma anche lavoratrici e figlie del popolo, con un comune denominatore: intelligenza, sensibilità, fascino e capacità di stare al fianco del loro compagno con discrezione, ma fondamentali nelle decisioni e nella grandezza di illustri uomini di potere. E così fu per Anna Schiaffino che si innamorò di Camillo Benso Conte di Cavour e per lui arrivò a suicidarsi; Teresa Vercellana, meglio nota come la Bela Rosin, che fu dapprima amante e successivamente moglie morganatica del Re Vittorio Emanuele II che le concesse anche il tutolo di Contessa di Mirafiori e Fontanafredda; Giuditta Bellerio Sidoli, che diede anche un figlio a Giuseppe Mazzini, Rosalia di Montmasson moglie di Crispi, Anita Garibaldi, donna combattente vicina a Garibaldi nel modo più attivo.

Durante la serata la Presidente Alessandra Rosso ha anche consegnato un riconoscimento alla socia Gabriella Paletti per il suo impegno nel sostenere e far crescere il Club Valcerrina e gradito a tutte le donne presenti è stato il dono della mimosa.

SAbina Malgora, la Presidente Alessandra Rosso, Sara Delcrè, Gabriella Paletti e il PDG Maurizio Casali

Sabato 25 marzo un importante intermeeting ha coinvolto numerosi club e non solo piemontesi. Organizzato dal Lions Club Valcerrina e quello di Asti Alfieri, ha avuto luogo presso la struttura del Monferrato Resort di Cereseto. Un gran gala dunque con un invito aperto a diversi club e la presenza di autorità e numerosi rappresentanti. Hanno aperto la serata i Presidenti dei due club organizzatori, il notaio Massimo Cagnacci e la Dott. Alessandra Rosso. Lo scopo principale di questo incontro era la raccolta fondi per il Centro Lions di addestramento cani-guida per non vedenti di Limbiate. Sono stati benedetti i labari dei vari club da Monsignor Francesco Mancinelli e la serata è iniziata con un’ interessante filmato del Cammino di Santiago di Compostela 2016, effettuato da una ragazza non vedente, Dajana, e dal suo cane guida Camilla. Un percorso emozionante e commovente di 100Km. supportato da un istruttore e da alcuni soci Lions. Presente in sala anche Claudio Costa, non vedente, accompagnato dalla moglie e dai suoi cani guida, plurimedagliato nelle quattro olimpiadi a cui ha partecipato con numerosi riconoscimenti in ambito sportivo nelle discipline di atletica, ciclismo in tandem e anche sci alpinismo. La serata è proseguita con l’entrata nel club Valcerrina di due nuovi membri e precisamente due quote rosa presentate da altrettante donne appartenenti al club: Sabina Malgora, presentata da Alessandra Rosso, archeologa ed egittologa (ricordiamo la sua interessante relazione al meeting di settembre a Pontestura), nonché direttrice del Mummy Project Research di Milano e curatrice della sezione egizia del Castello del Buonconsiglio di Trento, e Sara Delcrè, presentata da Gabriella Paletti, medico chirurgo con specializzazione in Cardiologia e autrice e coautrice di numerose pubblicazioni a livello nazionale ed internazionale.

Il clou della serata è stata la lotteria che ha consegnato ai numerosissimi presenti i vari premi donati generosamente dai soci, tra i quali alcuni quadri dei pittori Gino Masciarelli (ospite della serata) di Milano, Marcello Peola di Asti e Pier Giuseppe Bosco (socio Lion Valcerrina), ma anche prodotti tipici del nostro territorio. Il ricavato della lotteria andrà a favore del centro di Limbiate.

Tiziana B.Ferrando

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *